Manca anche a voi vero?

State tranquilli, bando al senso di colpa, non siete stati gli unici ad aver esultato quando vi hanno annullato l’allenamento un paio di settimane fa! Una serata libera per rilassarsi, per stare in famiglia senza correre, saltare e sudare pareva un bel miraggio non è vero?
Siamo altrettanto certi di non essere gli unici che oggi a quell’allenamento andrebbero volando.

Siamo barricati in casa da quanti giorni? E chi se lo ricorda, sicuramente troppi! Lo facciamo per una ragione più che seria, per tornare a quell’allenamento il prima possibile sconfiggendo questo dannato virus che ci ha messo letteralmente il bastone tra le ruote in un modo fastidioso e difficile da sbrogliare.
Manca a tutti noi la socialità, la relazione, il rapporto con le persone; l’essenza attorno alla quale sta crescendo il nostro progetto Baskethood! Dobbiamo correre ai ripari, darci una mano per sentirci meno soli, per cercare di ravvivare quella rete di connessioni interpersonali di cui abbiamo urgente bisogno!

Come state passando questa quarantena forzata? Avete un canestro nel cortile di casa o è stato necessario inventarne uno di fortuna? Cosa vi manca di più della pallacanestro? Giocarla? Guardarla in televisone o al palazzetto?

Se vi va, siamo pronti ad ascoltare un vostro racconto, a ricevere foto o video testimonianze delle vostre ingegnose creazioni per non rinunciare al basket in questo periodo non semplice!

Facciamo noi per primi un tentativo, sarà arduo perché sentiamo ne sentiamo la mancanza a 360°, ma ci si prova.
Manca il canestro che fa vincere la partitella in allenamento oppure riuscire a fare un assist illuminante per il compagno in partita!
Manca la confidenza che ha il rimbalzo della palla nelle proprie mani durante quelle serate con la S maiuscola!
E lo spogliatoio? I compagni? La stupenda sensazione di non essere mai soli in campo a condividere vittorie e sconfitte!
Manca il basket visto in televisione, la corsa all’MVP tra Lebron e Giannis, le sfide di Eurolega, le giocate di Larkin e Mike James…
L’elenco sarebbe probabilmente senza fine quindi ci fermiamo qui, ora tocca a voi!
Raccontateci un aneddoto della vostra quarantena, uno spicchio della vostra reclusione “cestistica”. Cosa vi manca del basket giocato, vissuto, visto, sognato? Mandateci immagini, video o testi scritti, li pubblicheremo tutti sui nostri canali social! Sbizzarritevi!

Utilizzate liberamente i direct di Instagram, scriveteci nella posta di Messenger su Facebook oppure via mail all’indirizzo baskethood@gmail.com!!!

P.S: scrivendo di basket casalingo non poteva non saltare alla mente la memorabile scena di “Mamma ho perso l’aereo”, fantastico esempio di palla a spicchi che viene in soccorso anche nei momenti più complicati!!!